Palio dei Quartieri, ieri in piazza la madrina Laura Chiatti

L’ospite ha preceduto i cortei storici. Oggi e domani le animazioni nel centro storico
Nocera Umbra

Palio dei Quartieri: spettacolo e solidarietà nella serata di ieri, martedì 6 agosto. A partire dalla bellezza dei borghi e l’amore per l’Umbria. Questa la testimonianza dell’attrice Laura Chiatti, che ieri sera ha visitato il centro storico nocerino e il “dietro le quinte” dei cortei storici, per poi entrare in piazza Umberto I insieme a Luciana e Franco Chianelli.

La madrina di questa edizione del Palio dei Quartieri ha sottolineando la bellezza del borgo nocerino che è rinato dopo il terremoto e ha ricordato il suo attaccamento per l’Umbria, dove è nata e dove continua a vivere. L’attrice ha portato la sua testimonianza grazie al Comitato per la vita “Daniele Chianelli”, con il quale il Palio dei Quartieri ha instaurato un’importante collaborazione. Tutte le sere, a Nocera Umbra saranno presenti volontari che distribuiranno materiale informativo e gadget dell’associazione di volontariato che raccoglie fondi per la ricerca e la cura delle leucemie, linfomi e tumori di adulti e bambini.

Sempre martedì 6, ad andare in scena uscendo da Porta Vecchia, sono stati i cortei storici dei due Quartieri, atteso momento della manifestazione, che porta in piazza Umberto I alcune centinaia di figuranti in abiti d’epoca che rievocano scene di vita e ambientazioni di Medioevo e Ottocento, quest’anno con il tema de “I quattro elementi naturali”. Per entrambi, è grande il lavoro di ricerca storica che precede queste rappresentazioni.

Borgo San Martino, che rappresenta il periodo dal 1350 al 1450, ha portato in piazza ricche scene e grandi carri a rappresentare il fuoco dei fabbri, le sorgenti nocerine, l’aria degli uccelli da falconeria e i prodotti della terra, col lavoro dei contadini. Tante le scene di vita quotidiana, le attività, i mestieri, uniti a scenografiche allegorie dei quattro elementi.

Porta Santa Croce, che rappresenta il periodo dal 1820 al 1920, ha fatto sfilare quadri con il fuoco dei mestieri artigiani, i raccolti della terra, le attività e le industrie legate all’acqua e giochi e figure mitologiche legate all’aria. In piazza, anche macchine e carri con suggestive statue, fra le quali l’albero della vita.

Ad assistere ai cortei anche il presidente della Giostra della Quintana di Foligno, Domenico Metelli, e il presidente della commissione artistica, Luca Radi; fra il pubblico, anche il deputato nocerino Virginio Caparvi.

Mercoledì 7 agosto, invece, sarà piazza Caprera ad animarsi con la Disfida delle fontane, tiro con l’arco storico, prova valevole per l’assegnazione del Palio 2019.

Alle 21 si comincia con i cortei dei due Quartieri: gli arcieri e i tamburini di Borgo San Martino entreranno da via San Rinaldo, quelli di Porta Santa Croce da Via Tullio Pontani. Vi sarà poi la presentazione degli arbitri Fidarco, del capitano e dei quattro atleti, più una riserva, per ogni squadra; dopo il controllo da parte degli arbitri dei materiali di tiro, alle 22 è prevista la disputa delle quattro volé, precedute dal sorteggio dell’ordine di gara (con spareggio, in caso di parità).

Dopo l’annuncio della squadra vincitrice, anche l’assegnazione trofeo “Emilio Bensi” all’arciere con punteggio più alto (e più giovane, in caso di parità).

Giovedì 8 e venerdì 9 agosto, invece, toccherà ad animazioni ed allestimenti teatrali nel centro storico. Prima sera per San Martino, seconda per Santa Croce, con scene di vita quotidiana e veri e propri spettacoli teatrali.