Quel senso unico alternato lungo la Flaminia all'altezza del rudere delle Grazie

Le preoccupazioni di Alessandro Amici, capo gruppo consigliare di Tutti per Narni
Canali:
Argomenti correlati
Narni

Riceviamo e pubblichiamo

Adesso anche la Flaminia ha il suo semaforo, dopo che da anni è presente un senso unico alternato lungo la Tiberina (vedi foto), a livello del quale sono già accaduti vari incidenti, fortunatamente senza gravi conseguenze. Oggi siamo in presenza di un senso unico alternato lungo la Flaminia all'altezza del rudere delle Grazie.

Ora, a parte che non c'è nessuna indicazione riguardo la causa, se ciò è stato fatto, come mi hanno detto, ma non ho verificato l'informazione, perché è caduto del materiale sopra la strada, bene il tempestivo provvedimento. Ma, appunto ma, non è di 2 o 3 anni fa un intervento esaustivo che doveva risolvere la problematica?
E durante questo periodo qualcuno ha monitorizzato la situazione strutturale, oppure dobbiamo solo ringraziare Le Grazie che non ci siano stati danni alle persone?
E se, come penso, tutto è lasciato al caso, quanto durerà il senso alternato?
Soprattutto quando daremo una soluzione permanente alla viabilità lungo la via Flaminia e la Tiberina?
Questa situazione non è un imprevisto, ma la conseguenza dell'abbandono e dell'incuria dell'immobile da parte del proprietario (Comune di Roma). Lodevole l'iniziativa di Tramini), ma difficilmente portera a soluzioni.

Anche noi di Tutti per Narni siamo intervenuti varie volte riguardo il degrado in cui versa ,ma questo intervento chiedo in primis il ripristino di una viabilità corretta in 2 strade importanti, tra l'altro le uniche che connettono la parte sud a Narni.
  E' necessario che il sindaco cerchi di risolvere quanto prima il problema sollevato.
  E gli ricordo, visto che la storia dura da molti anni, che dopo rapporti amichevoli e formali (che non hanno purtroppo portato a niente) esistono altre opportunita che il massimo cittadino può esercitare. Segnalazioni alle autorità civili e giudiziarie ,oppure promuovendo ordinanze con obblighi di intervento nei riguardi del proprietario.

Per concludere:
1) Se invece del comune di Roma il proprietario fosse stato un privato, quale sarebbe stata l'azione dell'ente. Io credo che sarebbe stata molto più incisiva.
2) In questa vicenda "annunciata" vedo analogie con la situazione dei bagni alle mole, denunciata per l'ennesima volta in questi giorni. Se è quando si verificherà un evento drammatico, con chi staremo a polemizzare?

Alessandro Amici
Capo Gruppo Consigliare di Tutti per Narni