Progetto di legge con petizione popolare sul Reddito di Maternità

Consensi anche a Montefalco. La raccolta delle firme proseguirà fino al 10 maggio
Argomenti correlati
Montefalco

Il progetto di legge con petizione popolare sul Reddito di Maternità sta raccogliendo consensi anche a Montefalco.

A presentarlo, in collaborazione con il Popolo della Famiglia, è il consigliere comunale di maggioranza (Forza Italia) Alberto Pizzi: “Le culle piene sono il vero e fondamentale investimento per il futuro di qualsiasi Paese. Ed è inutile parlare d’iniziative politiche per aiutare le famiglie se non partiamo dal riconoscimento economico diretto del ruolo della maternità come perno insostituibile per generare nuove cellule di una società che crede nel futuro e per questo disposta a importanti riforme.

I tassi di natalità sono al minimo storico e occorre agire immediatamente. Ci vuole quindi coraggio e investire nel futuro passo indispensabile per la società. Le donne possono realizzarsi nella carriera lavorativa per tutta la vita ma per essere mamme hanno un arco temporale ristretto e quindi devono sentirsi libere di scegliere se lavorare o crescere i propri bambini, grazie a un reddito solido e non con un semplice bonus una tantum che non può dare stimolo alla crescita demografica.

Fare la mamma – prosegue Alberto Pizzi - è anche un lavoro sociale ed indispensabile per il nostro futuro. Lo considero l’impegno più bello al mondo. Era mio desiderio che anche Montefalco partecipasse a questo progetto di Legge e ci sono riuscito rivolgendomi ai cittadini di Montefalco chiedendo loro di firmare questa importante proposta per il futuro. Una legge in tal senso, sono convinto, favorirà le assunzioni di donne perché in caso di maternità non sarà più il solo datore di lavoro a supportare il felice evento”.

La raccolta delle firme per il reddito di maternità durerà fino al 10 Maggio prossimo. Chi vorrà sottoscrivere il Progetto di legge sul reddito di maternità (1000 euro al mese per otto anni alle mamme, cittadine italiane che si occupano in via esclusiva dei figli), potranno chiedere informazioni al Consigliere comunale Alberto Pizzi al numero telefonico 338 65 81 155, o all’indirizzo mail alberto.pizzi@gmail.com.