Magione, ferita alla testa negoziante cinese

Tentata rapina finisce in colluttazione
Magione

Se l'è cavata con tanta paura e una ferita alla testa che i medici hanno diagnosticato che guarirà in 25 giorni, la negoziante cinese che sabato sera è stata aggredita da un uomo che è entrato nel grande magazzino che sta davanti al Mercatone Uno di Magione, per rapinarla. Erano circa le ore 21, quando la donna, che era sola nel negozio, si è trovata di fronte un malintenzionato che le ha spianato addosso la canna di un revolver.
L'uomo, minacciandola di sparare le ha chiesto il denaro della cassa. Ma lei non si è data per vinta. La donna, di 45 anni, si è difesa strenuamente e nella colluttazione è riuscita anche a infliggergli qualche calcio. Il malvivente preso alla sprovvista è riuscito  a infliggerle dei colpi sulla testa con il calcio della pistola, per poi fuggire in tutta fretta e far perdere le sue tracce.
Sul posto sono subito intervenuti i carabinieri della compagnia di Città della Pieve, guidati dal capitano Andrea Caneschi, e della stazione di Magione, che ora stanno vagliando i fatti e raccogliendo tutti gli elementi necessari per tentare di individuare e assicurare alla giustizia il rapinatore.