Rissa fra giovani in pieno centro storico, uno finisce all'ospedale col naso rotto

Clima di tensione generale tra i residenti infuriati per la situazione
Gubbio

Il centro storico di Gubbio ancora nella bufera. Come riporta oggi , anche il trascorso fine settimana ha continuato a riservare tensioni, schiamazzi, vandalismi e rifiuti ammassatie. In via Piccotti, parallela sottostante corso Garibaldi, testimonianze riferiscono di una rissa nel cuore della notte.
Sono volate parole grosse e soprattutto qualche giovane sarebbe venuto alle mani, con il bilancio di un ragazzo finito al pronto soccorso per la sospetta frattura del setto nasale. Non sono stati esclusi strascichi, con possibili denunce ai carabinieri in una clima di tensione generale tra i residenti infuriati per la situazione e gli esercenti commerciali arrabbiati perché danneggiati economicamente al punto da impugnare l'ordinanza restrittiva del sindaco al Tar. In via Piccotti ci ha rimesso anche la recinzione di un cantiere attivo per la ristrutturazione che è stato divelto.
Caos sabato notte in via Ansidei, parallela superiore di corso Garibaldi, con il bivacco di giovani tra vomito e grida in ordine sparso e le tracce lasciate fin troppo evidenti. Sono stati riportati sulla pagina di Facebook, gestita dal gruppo di residenti Vivere nel centro storico di Gubbio, i cori da stadio e le urla con frasi irripetibili in vicoli e strade prese d'assalto senza preoccuparsi dell'orario e del contesto viste le abitazioni circostanti.
Pesano anche i sacchi dell'immondizia lasciati in mezzo ai vicoli con i cassonetti pieni, senza prevedere un servizio alternativo per evitare di lasciare una pessima immagine in zone monumentali.