Lega: “Rimpasto Giunta? No, solo spartizione di poltrone”

“I Consiglieri del Gruppo Misto a trazione Pd hanno abbandonato il loro gruppo nell’unico intento di ottenere l’assessorato strategico dei lavori pubblici”
Argomenti correlati
Gubbio

Il gruppo consiliare della Lega nel comune di Gubbio, in una nota a firma di Stefano Pascolini - Angelo Baldinelli - Michele Carini, dichiarano quanto segue: “Siamo all’epilogo di un’amministrazione comunale che ha fallito tutti gli obiettivi che si era posta, esplosione inevitabile di un Giunta che era già nata con conflitti interni sia sugli assessorati che sulla Presidenza del Consiglio.

La squadra di Governo fin dalla sua costituzione ha cercato piu’ di placare le forti conflittualità all’interno dei propri gruppi di maggioranza piuttosto che guardare all’interesse collettivo ed oggi da indiscrezioni questa “guerra tra bande” viene ancora più amplificata.

Ci troviamo i Consiglieri del Gruppo Misto a trazione PD che hanno abbandonato il loro gruppo originario, nell’unico intento di ottenere la poltrona più ambita ovvero l’assessorato strategico dei lavori pubblici.

Dove erano i Consiglieri ex LeD quando è stata formalizzata la squadra di governo? Stiamo assistendo a giochi di potere dove opportunismo ed incoerenza la fanno da padrone con il PD che diventerà forza di maggioranza .

La logica del rimpasto dovrebbe tenere conto degli obiettivi raggiunti e da raggiungere nei vari settori mentre da indiscrezioni apprendiamo che ci sono assessorati blindati, come per esempio quello alle politiche sociali e giovanili che rappresenta una delle criticità più significative specie in questo momento storico dove la nostra comunità sta vivendo una crisi sociale ed occupazionale senza precedenti.

Il rimpasto dovrebbe avvenire ammettendo criticità che oggi sono nascoste, anche se immaginiamo siano ben note e chiare al Sindaco e alla sua squadro di governo e a tutti i consiglieri di maggioranza iniziando dallo sconcertante e palese conflitto di interessi che riguarda l’Assessore con delega ai lavori pubblici, socio e lavoratore della Cooperativa che gestisce la stragrande maggioranza dei servizi socio-assistenziali le quali dimissioni dovrebbero essere dovute a prescindere dal rimpasto.

E’ possibile che l’Assessore alle politiche sociali e giovanili non si è mai accorta di finanziare servizi che vedono come socio lavoratore un suo collega di Giunta?

Caro Sindaco Stirati, dopo appena un anno la sua tanto lodata corazzata fa acqua da tutte le parti, meglio sarebbe azzerare completamente la sua squadra di governo, o meglio ancora, faccia un atto di umiltà e permetta agli eugubini di tornare alle urne mettendo da parte giochi politici che di certo non fanno bene alla nostra comunità”.