Giove, situazione complessa ma superabile: nuova ordinanza di tutela per la popolazione

Il Sindaco ai cittadini “Restate a casa e rispettate l'ordinanza per fare spesa”
Giove

Il comune di Giove, isolato a causa dei contagi da Covid19 dal resto dell'Umbria, si sta organizzando per rendere meno complessa la vita dei cittadini.

La prima raccomandazione è quella di restare a casa.

la seconda è ufficializzata a mezzo di un'ordinaza del comune: i cittadini potranno recarsi a fare spesa nei supermercati in base alle iniziali del cognome nell'arco della settimane commerciale.

Il sindaco Parca ha spiegato che “ogni famiglia potrà accedere al massimo due volte per settimana con iniziale di cognome differente”.

Le regole imposte hanno l'obiettivo di evitare folle di pubblico negli esercizi commerciali e nelle immediate vicinanze, con la finalità di evitare casi di contagio, così come già accaduto a Giove.

In ogni caso nell’ordinanza emanata dal Sindaco Parca, è chiarito che dopo le ore 19, dal lunedì al venerdì, l’accesso è libero a chiunque.

L’ordinanza è emessa in via sperimentale e viene chiesto ai cittadini di  rispettare le disposizioni impartite, per la salvaguardia di tutti e per combattere questo mostro silenzioso che genera decessi a catena.

Sono stati incrementati i controlli da parte delle forze dell’ordine, che faranno verifiche incrociate per vigilare sul rispetto delle disposizioni.

Inoltre la spesa potrà essere ordinata telefonicamente e sarà consegnata direttamente a casa dagli uomini della protezione Civile, o della Croce Rossa Italiana o dagli uomini della Guardia di Finanza.

Gli ordini della spesa potranno effettuati telefonando al numero del Comune 0744 992928 per acquistare presso la Coop (di Giove o Amelia), Eurospin-Despar di Lugnano e Todis-Emimarket di Attigliano.