Daniele Nicchi ottimista sulla situazione di allerta a Giove

la cittadina da qualche giorno è in isolamento
Giove

Il consigliere Daniele Nicchi, presidente della Prima commissione in regione (Lega), si dice “ottimista rispetto alla situazione di Giove, perché le cose sembrano andare per il verso giusto”.

 Nicchi ha spiegato "la zona rossa per il Covid-19, sta tornando alla normalità. Il sindaco Alvaro Parca in un post su Facebook ha ringraziato il suo omologo di Attigliano, Leonardo Fazio, per la solidarietà. Un plauso quindi per la collaborazione dei due amministratori anche se ideologicamente diversi”.

“Giove - sottolinea Nicchi - è un borgo di circa 2000 anime che si trova nel ternano, dove sta avviando alla conclusione lo screening svolto sui cittadini del paese, visti i numerosi sintomatici e i molti in isolamento a causa dell'emergenza coronavirus. Sono diversi giorni che la popolazione  è in isolamento, capisco il loro stato d’animo e mando loro un abbraccio per l’atteggiamento decoroso che stanno avendo. L’impegno è stato garantito da tutta l’Amministrazione comunale, in primis dal Sindaco Parca, dalla Giunta ed anche dal gruppo Consiliare di minoranza come si è visto per la fabbricazione e distribuzione delle mascherine. Tutto ciò è stato possibile grazie alla sinergia dell’intera compagine amministrativa. Insisto per dire che Giove non è stato abbandonato, come ho letto nei giorni scorsi in qualche commento. La Regione ha predisposto ed è intervenuta cosi come unanimemente riconosciuto in tutti i territori dell’Umbria”.

Daniele Nicchi rassicura la popolazione: “Abbiamo una sanità d’eccellenza e il sistema regionale ha retto l’impatto del Covid-19 in confronto ad altre Regioni. Stamattina, duemila mascherine FFP2 sono in distribuzione, riferisce una nota dell’ospedale di Perugia, ai vari presidi sanitari della regione. Questo denota l’importanza della protezione da assicurare al personale, a tutti gli operatori sanitari e non, impegnati
nella lotta contro il Coronavirus. Non solo la Regione Umbria sostiene la causa di Giove e dei suoi cittadini per contenere l’epidemia, ma altrettanta solidarietà quegli abitanti l’hanno ricevuta dai comuni limitrofi come quello di Attigliano, con un presidio avanzato del COC, (Funzione Associata Protezione civile Orvieto presso il Pub ‘Le Fossate’) collocato all’ingresso della cittadina, che ha messo a disposizione i
locali e la connessione internet del vicino ristorante, fondamentale per il punto avanzato. La solidarietà è stata espressa non solo a parole ma con i fatti e il COC svolge e offre ai cittadini informazioni di ogni genere, servizi di prima necessità perfino portandoli a domicilio”.

“Due giorni fa - continua il presidente della Prima commissione di Palazzo Cesaroni - il gruppo comunale Protezione Civile di Attigliano ha immediatamente dato sostegno al punto avanzato e due operatori sono riusciti a collegare via internet i due punti, riuscendo a garantire segnale pieno a 4 postazioni PC allestite all'interno del Pub. Il tutto è ora pienamente funzionante. Il Gruppo comunale protezione civile di Attigliano e di Giove sono ora di supporto al fine di evadere gli ordini di generi alimentari dai supermercati siti in Attigliano verso Giove. Le prenotazioni sono gestite direttamente dal Comune.