Coronavirus, a Giove il sindaco vara il piano di protezione civile

Eseguiti 250 tamponi in un solo giorno
Giove

Il sindaco di Giove, Alvaro Parca, ha predisposto un piano operativo per il contenimento del contagio da Covid-19 all’interno del centro abitato. Al momento i positivi in isolamento contumaciale sono 32 e 5 i ricoverati negli ospedali mentre 59 sono le persone in quarantena fiduciaria. Sono stati effettuati circa 250 tamponi mercoledì 15 aprile e ne sono previsti altri nei prossimi giorni. Il sindaco Alvaro Parca ha deciso di istituire un punto avanzato del Centro operativo comunale al check point di Attigliano, coordinato da Gianpaolo Pollini, della Protezione civile della Provincia di Terni, e da Giuliano Santelli, coordinatore della Funzione Associata sud-ovest Orvietano aree interne, coadiuvati da Luca Rosciarelli, nel quale saranno coordinate tutte le attività dei gruppi comunali e le associazioni a supporto dei volontari.

In azione l'Anc di Giove con quattro unità presenti all’interno della zona rossa. E giovedì 16 aprile sarà la volta anche dei volontari della Croce Rossa di Avigliano Umbro, ma residenti a Giove. Insieme agli uomini della polizia locale saranno impiegati anche i volontari del gruppo comunale di Lugnano in Teverina e Attigliano e ci saranno tre pattuglie della Scuola di Addestramento e Specializzazione della Guardia di finanza di Orvieto, una delle quali con brevetto Nbcr, che provvederà a distribuire medicinali, ma anche generi alimentari alle persone che si trovano tuttora in quarantena contumaciale.