Furti, aggressioni e atti vandalici a ripetizione a Giano

A sollevare la questione è la Lega Umbria che invita sindaco e giunta ad intervenire
Giano dell'Umbria

“Furti, aggressioni, atti vandalici a ripetizione: la situazione nel  comune di Giano dell’Umbria sta letteralmente esplodendo per colpa di  chi ha sempre sottovalutato il problema sicurezza”.
A sollevare la  questione è la Lega Umbria: “A Bastardo il 2018 è iniziato nel peggiore  dei modi e molti cittadini ci hanno contattato esprimendo la propria  preoccupazione. I fatti di cronaca dell’ultimo mese raccontano di case  svaligiate, intere vie prese di mira dai ladri e furti che avvengono  quotidianamente nel parcheggio presso la Scuola dell’Infanzia. In tanti  si sono rivolti a noi per avere risposte e rassicurazioni, considerando  che l’Amministrazione comunale, a trazione Pd, sembra non voler vedere e  sentire il clima di costante paura in cui, ormai, vivono i nostri  concittadini. In realtà – proseguono i rappresentanti leghisti –  iniziative da intraprendere ci sarebbero: vogliamo ricordare  l'approvazione all’unanimità in Consiglio comunale del piano per  l’implementazione di un sistema di videocamere di sorveglianza o la  richiesta di istituzione del controllo di vicinato. Come mai, nonostante  il consenso bipartisan in aula, tali espedienti non sono ancora stati  attuati? L’immobilismo del sindaco e della sua giunta su questo tema è  vergognoso, considerando che la sicurezza nel comune di Giano è ormai ai  minimi storici. In un clima come questo, spinti dalle richieste di aiuto  dei cittadini e facendo appello al buon senso dell’Amministrazione,  chiediamo di mettere in atto tutti quei provvedimenti approvati in aula  e mai attuati e poi di intervenire in maniera mirata attraverso  l’intensificazione dei presidi da parte delle forze dell’ordine e la  riqualificazione urbanistica di determinate aree. Basta con gli spot  elettorali, è il momento di attivarsi seriamente per la tutela  dell’incolumità dei cittadini”.