Trasporti su ferro, sindacati umbri aprono procedure di raffreddamento

I temi della controversia saranno illustrati venerdì 12 giugno alle 11 alla stazione di Foligno
Foligno

Le segreterie umbre dei sindacati del settore trasporti, Fast Slm Confsal, Orsa Ferrovie, Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti, annunciano di aver aperto le procedure di raffreddamento con Trenitalia. Vari i termini della controversia che saranno spiegati in dettaglio per venerdì 12 giugno alle 11 al 1° binario della stazione di Foligno.

I segretari Stefano Della Vedova (Fast Slm Confsal), Gianluigi Morozzi (Orsa Ferrovie), Ivano Bruschi (Filt Cgil), Fabio Ciancabilla (Fit Cisl) e Sergio Lombardi (Uiltrasporti) anticipano che tra i motivi di controversia vi è, innanzitutto, la decisione della Divisione passeggeri regionale (Dpr) Umbria di Trenitalia di togliere alcuni treni e limitare le tratte di altri. Oltre a questo, “c’è la volontà manifestata dalla Dpr Umbria di indirizzare la futura offerta commerciale più a contesti regionali che interregionali; il mancato rispetto di accordi relativi agli orari di lavoro; le persistenti difficoltà relative alle refezioni di tutto il personale mobile”.

“Tali scelte – commentano le organizzazioni sindacali – si ripercuoteranno negativamente in termini di volume e qualità dei turni dei dipendenti coinvolti. Le novità introdotte nel prossimo cambio orario determineranno, inoltre, un limite ancor più pronunciato per i residenti umbri di potersi spostare nelle regioni limitrofe e accedere alla linea Alta velocità”.