Il Comune di Corciano sospende tasse e tariffe

per cercare di supportare cittadini ed imprese dall'epidemia del Coronavirus
Corciano
Confermata la sospensione di tutte le tasse e tariffe, a seguito della pandemia da Covid 19,’ il provvedimento è stato ufficializzato dalla Giunta comunale di Corciano. La sospensione interessa le scadenze di marzo, aprile e maggio, differite al 30 giugno 2020, e riguarda TOSAP, Imposta comunale sulla pubblicità, e la tassa sui rifiuti TARI. Sono altresì sospesi i pagamenti di tutti i solleciti e gli avvisi di accertamento pervenuti per i tributi comunali non versati nelle scorse annualità  comprese le cartelle di pagamento emesse da agenzia delle entrate riscossione. La Giunta, inoltre, ha stabilito che non sono dovuti i pagamenti delle tariffe dei quattro asili nido comunali, della mensa di tutte le scuole di ogni ordine e grado e del trasporto scolastico, riferite al periodo di sospensione delle attività.
Per quanto riguarda il servizio di tempo integrato, il “doposcuola”,  il cui pagamento è già avvenuto, si provvederà a rimborso o a compensazione per chi ne vorrà usufruire nel prossimo anno scolastico. Per quanto riguarda gli asili nido convenzionati, l’area socio-educativa sta verificando diverse possibilità per agevolare chi è stato destinato in quelle strutture dalle nostre graduatorie.
 
Discorso diverso per IMU, sulla cui scadenza, comunque fissata al 16 giugno, non può intervenire autonomamente l’Amministrazione comunale , essendo necessario un provvedimento statale che lo consenta. Su questo tema ci giungono notizie che interverrà a breve il Governo e se così non fosse affronteremo il problema in consiglio comunale. “Questo è tutto ciò che potevamo fare per cercare di supportare al massimo cittadini ed imprese in questo momento drammatico – sottolinea il vicesindaco -  in attesa e con la speranza che dal Governo provengano risorse ai Comuni che ovviamente risentiranno negativamente degli effetti della pandemia con una importante contrazione delle risorse a bilancio e soprattutto doverosi strumenti e risorse per supportare in maniera più incisiva le difficoltà di cittadini e imprese. Concludo – dice ancora - parlando dei 400 milioni stanziati dal governo per l’emergenza alimentare dato che tanti cittadini si stanno interessando. Sono stati stanziati per il nostro comune 119.000 Euro e l’area socio-educativa insieme all’area sviluppo economico stanno predisponendo gli atti necessari per essere operativi. Ci vorrà qualche giorno e sarete puntualmente aggiornati”.