Rissa in piazza tra nove giovani

Denunciati dai Carabinieri di Città di Castello dopo i fatti dello scorso 20 dicembre
Città di Castello

Nei giorni scorsi, i Carabinieri della Stazione di Città di Castello hanno deferito in stato di libertà 9 persone del posto.  

I soggetti coinvolti sono legati ai fatti avvenuti alla sera del 20 dicembre scorso quando, all’utenza di emergenza 112 della Compagnia dei Carabinieri, erano pervenute alcune telefonate che segnalavano un litigio in atto in piazza Matteotti.

La pattuglia della Stazione di Città di Castello era immediatamente intervenuta sul posto indicato, trovando però solamente un 23enne in palese stato di ubriachezza, il quale, alle richieste dei Militariaveva risposto con insulti ed offese. Il giovane era stato quindi accompagnato negli uffici dove era intervenuto il personale sanitario per verificarne le condizioni di salute. In seguito, il 23enne è stato deferito a piede libero per oltraggio a pubblico ufficiale e sanzionato per ubriachezza.

Non era tuttavia sfuggita la presenza nella piazza di tracce che indicavano che probabilmente era da poco avvenuto qualcosa di più serio. Pertanto, nei giorni successivi sono state acquisite le immagini dell’impianto di videosorveglianza del Comune che hanno consentito di chiarire cosa fosse effettivamente avvenuto.

Grazie ai video è stato possibile ricostruire che, poco prima dell’arrivo dei Militari, si era verificata una violenta rissa tra giovanissimi. In particolare si erano confrontati due gruppi di giovani - tra cui il 23enne denunciato la sera del 20 - che dopo le parole erano passati ai fatti con calci, pugni e spintoni. Ai contendenti, si erano peraltro aggiunti altri due ragazzi, verosimilmente di passaggio, che, vedendo il parapiglia in atto, si erano gettati nella mischia dando il loro contributo.

Tutti i 9 partecipanti alla rissa, di età compresa tra i 19 ed i 28 anni - alcuni dei quali hanno peraltro riportato lesioni con prognosi fino a 10 giorni - sono stati quindi denunciati alla Procura della Repubblica per l’ipotesi di reato di rissa.

Gli stessi, inoltre, assieme ad altri 7 giovani (che, pur non avendo partecipato alle violenze, si erano accalcati nei pressi), sono stati sanzionati amministrativamente per violazione del divieto di assembramento.