Proseguono i controlli anti-Covid a Città di Castello

Sanzioni per non aver rispettato il coprifuoco e per aver creato assembramenti
Città di Castello

Negli ultimi giorni si sono intensificati i controlli da parte dei Carabinieri della Compagnia di Città di Castello in materia di rispetto delle norme anti-Covid.

In particolare, l’attenzione dei militari si è incentrata sul territorio di Città di Castello, nonché sul territorio di Umbertide con il contributo di personale dell’Esercito del Raggruppamento “Umbria-Marche” di Foligno, impiegato nell’operazione “Strade Sicure”, dove, complice anche il bel tempo degli ultimi giorni, è notevolmente aumentato il numero di persone per strada.

Sono state diverse le sanzioni contestate, in particolare nello scorso week end; così come sono state tante le giustificazioni addotte dalle persone controllate, molte delle quali, soprattutto nelle giornate di sabato 20 e domenica 21 febbraio, hanno approfittato del clima favorevole per praticare attività motoria all’aperto.

In tal senso, sono stati sanzionati dai Carabinieri 6 avventori di un noto bar di Città di Castello che, dopo aver acquistato consumazioni da asporto, si sono intrattenuti davanti all’esercizio chiacchierando a lungo, interrompendo il raduno solamente all’arrivo dei Carabinieri della Stazione di Trestina che hanno sanzionato tutti i presenti.

Altre contravvenzioni anche ad Umbertide, dove i militari della locale Stazione hanno sanzionato alcune persone provenienti da altri comuni o per aver violato il coprifuoco in vigore dalla 22 alle 5, come nel caso di due giovani fermati alle 2 della notte tra sabato e domenica dai Carabinieri di Città di Castello, ma anche da una donna di origini straniere che la scorsa notte, lunedì 22 febbraio, in preda agli effetti dell’alcool, ha cercato in tutti i modi di accedere ad un Bed & Breakfast del centro tifernate dove voleva passare la notte.