Case popolari, manca solo il nome del presidente

Monterosi, Santi Laurini e Serpolla nella commissione comunale
Città di Castello

Manca solo il nome del presidente perché la commissione comunale per l'assegnazione delle case popolari si insedi. Il consiglio comunale di Città di Castello ha già nominato i due membri, di cui uno eletto a collegi separati dalla maggioranza e uno dalla minoranza, e c'è stata anche la presa d'atto del rappresentante dei sindacati degli assegnatari. Come riporta il Corriere dell'Umbria, l'assemblea nell'ultima seduta ha deliberato la nomina di Enrico Santi Laurini per la minoranza e Beatrice Monterosi per la maggioranza. Marta Serpolla per gli inquilini era già stata individuata. A norma del recente regolamento i componenti di questo organismo che entra in gioco in caso di ricorsi alla graduatoria ufficiale, è composto da quattro membri con un segretario verbalizzante nella figura del responsabile del servizio edilizia residenziale sociale. “Il profilo delle competenze era di natura giuridico amministrativa e il compenso è quantificato nell'importo dei gettone di presenza per i consiglieri comunali” - ha ribadito l'assessore alle Politiche sociali Luciana Bassini. Sul presidente il sindaco Luciano Bacchetta ha detto: “Non è stato ancora deciso, sto individuando figure terze che garantiscano estrema trasparenza. La rosa è ampia, presto porterò delle proposte nella conferenza dei capigruppo”.