Accoltellamento a Città di Castello: arrestato l'aggressore

Il 25enne dovrà rispondere di tentato omicidio. Restano gravi le condizione della vittima
Città di Castello

Rimangono gravi le condizioni del 29enne originario dell’Ecuador, che nella notte di domenica, presso il parcheggio Ferri all’ansa del Tevere di Città di Castello, è stato colpito con almeno 3 coltellate infertegli al petto e all’addome da un suo coetaneo.

I due si erano dapprima affrontati con calci e pugni, nei pressi di un bar del centro tifernate, inducendo i presenti a contattare le forze dell’ordine, per poi proseguire la resa dei conti nel parcheggio all’ansa del Tevere.

Qui però la situazione è degenerata, fino quando un 25enne italiano ha estratto un grosso coltello colpendo più volte al petto ed all’addome il 29enne.

Sul posto sono immediatamente intervenute due pattuglie della Compagnia dei Carabinieri di Città di Castello ed un’ambulanza del 118, che ha provveduto a trasportare l’ecuadoriano in ospedale dove è stato sottoposto ad intervento chirurgico per le gravi ferite riportate, venendo ricoverato con prognosi riservata.

I Carabinieri del NORM, con la collaborazione dei colleghi delle Stazioni di Umbertide e Monte Santa Maria Tiberina, hanno immediatamente dato avvio alle indagini, al fine di ricostruire i fatti avvenuti, e si sono messi sulle tracce dell'aggressore, il quale, poco dopo, è stato individuato presso la propria abitazione con ancora indosso i segni della violenta colluttazione e dell’aggressione all’arma bianca portata alla vittima.

Condotto in caserma, il 25enne è stato arrestato per il reato di tentato omicidio ed associato alla casa circondariale di Perugia.