Assisi: vigilante di un supermercato picchiato per aver chiesto a un cliente di indossare la mascherina

Indagano i Carabinieri di Assisi
Assisi

Ancora un episodio di inaccettabile violenza ai danni di un addetto alla sicurezza di un supermercato di Santa Maria degli Angeli, Assisi.

Il giovane ha invitato un cliente, un campano già noto alle Forze dell'Ordine, a indossare correttamente la mascherina all'interno del negozio, come previsto dalla legge.

L'aggressore ha rivolto insulti razzisti al lavoratore, originario del Senegal, e lo ha poi aggredito fisicamente, tanto che il ragazzo è stato portato al Pronto Soccorso con una prognosi di 8 giorni.

I Carabinieri del Comando Compagnia di Assisi, prontamente interventuti, hanno dato inizio alle indagini.

Questo episodio ricorda molto quello avvenuto sabato 21 novembre presso un negozio di Città della Pieve, dove anche in questo caso un cliente aveva aggredito prima verbalmente e poi fisicamente un addetto alla sicurezza per la semplice (e dovuta) richiesta di indossare la mascherina.

"Il ripetersi di questi episodi - ha commentato la Filcams Cgil di Perugia - è gravissimo tanto più perché le vittime sono lavoratori che svolgono un compito di difesa della salute collettiva, assicurando il rispetto delle regole anti-Covid. Inoltre parliamo di addetti alla vigilanza che hanno retribuzioni molto basse, intorno ai 5 euro l'ora, pur essendo sottoposti a rischi molto elevati, come questi fatti dimostrano.

Riteniamo che - continua il sindacato -, anche in vista dell'approssimarsi delle festività natalizie, con conseguente aumento del flusso di clienti nei supermercati, sia necessario rafforzare controlli e misure che possano garantire la sicurezza di chi lavora e della stessa clientela.

Lo chiediamo in primo alle istituzioni pubbliche e alle aziende".