Aeroporto di Perugia, sequestrati 11 chili di carne illegale

La partita arrivava dall’Albania: era sprovvista di etichettatura e tracciabilità. L’operazione è stata condotta da Dogana e Finanza
Assisi

Undici chili di prodotti alimentari non regolari sono stati sequestrati (e poi distrutti) all’aeroporto San Francesco d’Assisi. L’operazione è stata condotta dai funzionari dell’Agenzia delle dogane e dei Monopoli di Perugia in collaborazione con la Guardia di Finanza del capoluogo umbro. La scoperta è avvenuta dopo aver fermato e sottoposto a controllo un campione rappresentativo (10%) dei passeggeri di un volo proveniente da Tirana, Albania. La verifica dei bagagli personali ha permesso di accertare che alcuni di questi trasportavano partite di “carne e loro derivati” e liquidi apparentemente alimentari e potenzialmente nocivi per la salute umana per un totale di 11 Kg, sprovvisti di etichettatura, di tracciabilità e dei previsti certificati che autorizzano l’introduzione nella Comunità Europea (Reg. CE nn. 625/2017 e 2122/2019).

Tutto il materiale alimentare è stato prontamente sequestrato e distrutto.