Coronavirus, molte Poste chiuse per rischio contagio

Il sindaco Proietti: «Grave disservizio alla popolazione»
Assisi

Banche e Poste Italiane hanno chiuso gli uffici dei centri minori dell'Assisano. Appena le Poste hanno comunicato la decisione di chiudere 7 dei 9 uffici postali nelle varie frazioni del territorio comunale il sindaco di Assisi Stefania Proietti ha scritto ai vertici lamentando l’iniquità della scelta per il grave disservizio che si sarebbe arrecato alla popolazione. Il sindaco “ha proposto l’apertura almeno di un giorno a settimana degli uffici periferici proprio per arginare i disagi che colpiscono tutti i cittadini”. Per Proietti “va assolutamente rivisto il piano di apertura degli uffici postali, ma anche bancari. Le Poste possono rimodulare il servizio e facendo ruotare il personale tenere aperto almeno un giorno a settimana le filiali delle frazioni invece di tenere solo aperti tutti i giorni le due sedi centrali, a Santa Maria e Largo Properzio (solo al mattino). È una misura di livello gestionale che abbiamo chiesto ed è fattibile senza interventi del Governo, anzi va nella direzione del rispetto delle direttive ministeriali”.