Bomba d'acqua ad Assisi, case e strade allagate

Il sindaco Proietti annuncia piano di pulizia e manutenzione e tolleranza zero per la cementificazione
Assisi

Intorno le 20,30 di Domenica 24 luglio, una violenta bomba d'acqua ha colpito la zona tra Viole, Assisi, Tordandrea e Santa Maria degli Angeli.

Sulla frazione di Viole si sono abbattuti grandine, forte pioggia e vento, con le strade diventate fiumi di acqua. Il centro e alcune vie di Tordandrea erano interamente allagati.
A Santa Maria degli Angeli i sottopassi stradali e le rotonde erano allagati, l'acqua che ha invaso le strade si è riversata nei piani interrati delle abitazioni allagando garage, fondi e locali. Diversi esercizi commerciali e altre attività sono stati invasi dall'acqua. Fortunatamente non ci sono stati danni alle persone.

Nei luoghi di criticità sono immediatamente intervenuti gli uomini della Polizia Municipale, il gruppo comunale dei Volontari della Protezione Civile e i servizi operativi, insieme ai Vigili del Fuoco di Assisi e Perugia.

In una nota il Comune di Assisi ha voluto ringraziare tutti coloro che si sono occupati dei cittadini in difficoltà. Ma il Comune prosegue dicendo che “si è verificato quello che noi avevamo previsto da tempo: l'eccessivo consumo di suolo, unitamente ai cambiamenti climatici, crea situazioni di estrema criticità che provocano danni alle cose e seri rischi per l'incolumità delle persone.
Inoltre abbiamo potuto constatare che ci sono situazioni dove chiaramente le opere di urbanizzazione (fognature, chiusini, forazze) non sono dimensionate e disposte adeguatamente rispetto alle mutate situazioni meteorologiche, con sempre più intense forti precipitazioni”.

Si legge inoltre “Pur non essendo ciò ascrivibile alla nostra Amministrazione (insediatasi da poco più di 30 giorni) abbiamo subito deciso alcune azioni concrete da intraprendere immediatamente tra cui: incrementare il livello di pulizia e manutenzione delle reti fognarie e di dilavaggio; potenziare il piano e la dotazione strumentale della protezione civile; intervenire su alcune situazioni infrastrutturali (tra cui la zona PEEP e via Pio X)”.

Nella giornata di oggi l'amministrazione comunale, con i Servizi Operativi, farà il punto per un piano di monitoraggio, manutenzione e pulizia sistematica delle forazze e delle reti, e per la verifica dei servizi appaltati all'esterno.

La nota dell'amministrazione comunale si conclude con l'annuncio che da ora in avanti ci sarà tolleranza zero verso il consumo di suolo e la cementificazione in quanto “una corretta urbanizzazione e il rispetto dell'ambiente allontanano il rischio idrogeologico che provoca danni materiali e mette a rischio la vita delle persone”.