Ultimi lavori sulla diga di Montedoglio

Entro Natale le fondazioni del nuovo muro
Arezzo

Le ruspe continuano ad operare a Montedoglio per rimettere finalmente in sesto la diga che ha subito dei crolli il 29 dicembre del 2010. Nell'anno del decimo anniversario è ormai vicina la ricostruzione del muro.
Al termine dei lavori, previsti entro il 2020, il muro sarà più basso ma al contempo più largo per permettere all'intera struttura di essere più sicura. Sarà alleggerita anche la parte verso “monte” in maniera tale da esercitare minore pressione sull'infrastruttura. A quel punto la portata massima della diga sarà di circa 140 milioni di metri cubi di acqua con uno sbassamento del suo livello di circa un metro. Nel progetto che è stato redatto e approvato dall'ufficio autorità dighe all'interno del Ministero, sono stati considerati anche tutti i vari aspetti legati alla sismicità. “Questo invaso – commenta Domenico Caprini, presidente dell'Ente Acque Umbre Toscane – è senza dubbio strategico e fondamentale per tutto quello che riguarda il centro Italia: quindi, non solo per l'approvvigionamento di acqua per Umbria e Toscana, ma anche per quello che riguarda la regolamentazione delle piene sul Tevere. Il 2020 è sicuramente un anno importante per l'invaso di Montedoglio che finalmente tornerà nella sua piena funzionalità”. Al termine dei lavori, però, ci sarà da effettuare il collaudo; in pratica ciò che era in atto (erano le ultime fasi) la serata del 29 dicembre 2010 quando il muro di sfioro cedette riversando milioni di metri cubi di acqua a valle. 
Intervento che è stato finanziato dal Ministero delle Politiche Agricole e Forestali con un importo di circa 6,5 milioni.