Ambiente, ad Amelia caccia grossa ai rifiuti

In occasione dell'ultima giornata di “Puliamo il Mondo”
Amelia

Domenica i volontari del Circolo Legambiente Amerino hanno partecipato alla “Caccia al rifiuto” raccogliendo i rifiuti che dei concittadini poco responsabili hanno disseminato nei boschi.

La giornata di domenica è stata l’ultima giornata di “Puliamo il Mondo”, un grande appuntamento di volontariato ambientale organizzato da Legambiente come parte di “Clean up the world” una manifestazione mondiale sul problema dei rifiuti.Una campagna di pulizia che nasce dalla necessità e la voglia di riappropriarsi del proprio territorio prendendosene cura, che segna il bisogno della gente di mettersi in relazione per tutelare gli spazi pubblici, prendendo coscienza che oltre a ripulire, si dovrebbe imparare a non sporcare.

Puliamo il Mondo quest'anno ha coinvolto i ragazzi della scuola media di Amelia e delle scuole elementari di Fornole e Lugnano che si sono impegnati nel ripulire selle zone degradate dei loro comuni, con il duplice effetto di ripristinare la bellezza dei luoghi e di prendere coscienza del problema dei rifiuti.

La “caccia al rifiuto” si è svolta grazie alle segnalazioni dei cittadini di Amelia ed ha riguardato una zona del parco della cavallerizza e un’area limitrofa sulla strada orvietana. Il risultato della caccia sono stati tanti “trofei che abbiamo consegnato al comune per un loro corretto trattamento: 30 sacchi formato condominiale di rifiuti differenziati, gomme da macchina, pezzi di elettrodomestici, 2 reti da materasso, un materasso, un tubo di eternit e parti di un tetto in eternit, sacchi di cemento solidificato, i resti di una serranda, un forno semisepolto dal fango, vari rifiuti speciali tra cui 2 batterie da macchina, un parafango, un asse da wc, parte di un bidet, vari rifiuti elettronici e parti di computer, un segnale stradale arrugginito e tanti sacchetti contenenti spazzatura (a volte anche già differenziata) evidentemente lanciati nel bosco da parte di qualche sconsiderato.