Scomparsa di Barbara Corvi, indagato pentito della ’Ndrangheta

Svolta nelle indagini sulla mamma amerina sparita nel nulla 11 anni fa
Argomenti correlati
Amelia

Dopo 11 anni si riapre l'inchiesta sulla scomparsa di Barbara Corvi, la mamma amerina, 35 anni, di Montecampano, sparita nel nulla il 27 ottobre del 2009, dopo che il marito l'aveva riaccompagnata nella loro casa di Amelia, in provincia di Terni.
I carabinieri hanno notificato l’invito per un interrogatorio ad un pentito di ’Ndrangheta che vive da tempo a La Spezia. L'uomo è indagato per omicidio volontario in concorso con un'altra persona nella giornata di oggivenerdì si presenterà alla caserma dei carabinieri per essere interrogato dal procuratore, Alberto Liguori.
Un passaggio che potrebbe portare alla conclusione di un giallo irrisolto, che ha visto archiviare l'indagine contro ignoti aperta a suo tempo in procura.
L'indagato sarebbe un parente del marito della donna, di origine calabrese, un pentito che averebbe collaborato circa 20 anni fa con la giustizia e che sarebbe stato inserito per anni in un programma di protezione.
Della vicenda è tornata ad occuparsi anche negli ultimi mesi la trasmissione Chi l'ha visto?, considerato che i parenti - a cominciare dalla sorella - hanno sempre fermamente negato l'ipotesi di un allontanamento volontario, visto che Barbara era profondamente legata ai suoi figli e mai li avrebbe lasciati senza restare in contato con loro.