Ferrovie: Regione firma contratto di servizio con Busitalia

Chianella, sarà valutata la possibilità di gestione unitaria dal 2017
Umbria

La Regione Umbria ha firmato il contratto di servizio con Busitalia.

Contratto con il quale la regione affida a Busitalia Sita Nord l'organizzazione e la gestione dei servizi di trasporto pubblico ferroviario di interesse regionale e locale nel periodo 2015-2019. Al centro, ci sono i collegamenti fra Perugia, Terni, Sansepolcro e Perugia Sant'Anna. A sottoscriverlo, a palazzo Donini sono stati l'assessore regionale alle infrastrutture e trasporti, Giuseppe Chianella, e l'amministratore delegato di Busitalia, Stefano Rossi. Il contratto, che arriva dopo quello firmato con Trenitalia fino al 2020 e dopo l'accordo quadro con Rete Ferroviaria Italiana (Rfi) per le tracce, ha un valore economico di 7 milioni di euro. Una cifra corrisposta dalla Regione in base all'attuale organizzazione dei servizi per un'offerta complessiva di 1.191.288 treni/Km (di cui 106.258 con autobus) e 121.116.075 posti/Km. Busitalia, invece, si impegna a rinnovare, potenziare ed effettuare interventi di ristrutturazione con un investimento di 1.150.000 euro.

"Consolidiamo così questa sorta di laboratorio umbro - ha sottolineato l'ad Rossi - per offrire, grazie ad un orizzonte temporale che ci consente di programmare bene, un servizio integrato che non fa altro che andare incontro alle esigenze dei cittadini". E’ intervenuto anche il direttore regionale di Busitalia, Velio Del Bolgia, per illustrare nel dettaglio i contenuti del contratto di servizio, che si avvale anche di un Comitato tecnico di gestione (composto da due rappresentanti di Busitalia e due della Regione) con il compito di facilitarne la gestione.Questo contratto prevede, ha sottolineato l'assessore Chianella, che nel corso del 2016 vengano valutate ed intraprese idonee iniziative "per verificare la possibilità di avviare, dal 1 gennaio 2017, la gestione unitaria dell'insieme dei servizi ferroviari di interesse regionale sulla rete nazionale e regionale per facilitare la integrazione tra tutte le modalità di trasporto pubblico in Umbria".

Alcuni dei principali elementi del contratto sono infatti: il coordinamento con gli altri servizi ferroviari gestiti da Trenitalia al fine di ampliare e integrare l'offerta complessiva dei servizi ferroviari, su gomma e con altre modalità non tradizionali sul territorio regionale; il miglioramento degli standard qualitativi circa puntualità e regolarità dei treni, affidabilità, comfort di viaggio e pulizia, grazie ad una Carta della qualità dei servizi che va ad integrare il contratto di servizio; ed inoltre, la definizione di un progetto di integrazione tariffaria su base regionale, al quale lavorerà un gruppo di lavoro specifico, “per arrivare nel 2017 - ha assicurato Chianella - al biglietto unico".  L'assessore Chianella, infine, ha fatto anche il punto su alcuni cantieri aperti, annunciando per la parte sud della linea Fcu l'imminente riapertura della tratta Massa Martana-Terni, oltre a quella Umbertide-Città di Castello.  Per quanto riguarda invece l'attività di gara sui lavori Ponte San Giovanni-Sant'Anna, sempre secondo quanto riferito dall'assessore regionale, "entro venerdì prossimo si conoscerà la situazione, con il cantiere che poi partirà non prima di settembre 2016”.