Il Consiglio Regionale rinvia la discussione su dimissioni del Presidente della Giunta

Claudio Ricci considera inoppotuno e ricorribile il rinvio, chiede l'intervento del Prefetto
Umbria

Claudio Ricci con  una nota stampa ha contestato la decisoione presa questa sera nell'aula del Consiglio Regionale in Umbria, riunitosi per discutere se accettare o no  le dimnissioni irrevocabili della presidente Marini ed ha definito a suo parere il modo “inopportuno e ricorribile”, nel rinviare  la discussione sulle dimissioni del presidente della Giunta Regionale (a seguito delle inchieste sulla sanità).

"Bisognava invece oggi- ha affermato-  visto il quadro regolamentare, concludere l’atto con la “accettazione delle dimissioni” o (in subordine) una una mozione di fiducia che concedeva 15 giorni per decidere in modo definitivo.
"A mio avviso, non essendo previsto dalle norme il rinvio, da oggi la X Legislatura è conclusa e devono essere attivate le procedure di scioglimento del Consiglio Regionale. Auspico una comunicazione al Prefetto di Perugia su una situazione ormai molto complessa e fuori controllo. Si deve votare il prima possibile (massimo ad ottobre-novembre) per avere una amministrazione forte e competente, efficace ed efficiente (che elimini spechi e inefficienze) per avere di più da dedicare a sviluppo (per nuovi posti di lavoro), meno tasse e più sostegni sociali con scelte che privilegino il merito e il meglio per la Regione.