Il dramma dell'ortoressia in un'opera semiseria di Ilaria Falini

Sabato 9 settembre alle ore 19 nella Sala Blu di Palazzo Gazzoli a Terni
Terni

Emozionante e con una tematica molto attuale lo spettacolo dell’attrice di Marsciano Ilaria Falini che andrà in scena sabato 9 settembre, alle ore 19, nella Sala Blu di Palazzo Gazzoli di Terni: uno spettacolo inserito nel programma dell'Umbria Green Festival 2017.

"Kate Finn – il meno per il più. Storia di una ortoressica" - questo è il titolo dello spettacolo - è un'opera semiseria che affronta il tema dell'ortoressia, un disturbo del comportamento alimentare ancora poco conosciuto, per il quale chi ne soffre è spinto a ricercare un sempre migliore stato di salute; e per questo comincia a selezionare il cibo in base a quanto gli fa bene o a quanto sia sano, entrando così in un tale stato di psicopatologia per cui tutto può far male, dal glutine al lattosio, dai pesticidi della frutta, agli ormoni nella carne e così via fino ad arrivare a non mangiare nulla. Il suo scopo è vivere bene mangiando solo cibi sani, ma finisce per non mangiare niente e morire.

“Ho deciso di raccontare la storia di Sara, malata di ortoressia – ha affermato Ilaria Falini – ambientando la storia in Umbria e popolandola di personaggi grotteschi e affini a quelli che ho incontrato e conosciuto nella mia vita”.

L'ingresso allo spettacolo è gratuito.