La Questura di Terni finita in terza fascia

Esponenti politici a confronto sulla questione del depotenziamento e della sicurezza
Terni

Di sicurezza e di come difendersi dalla criminalità diffusa, se ne parla a Terni. E' tema di riflessione del leghista Tesei che bada alla sostanza dei rinforzi che arriveranno in Umbria, piuttosto che ai coefficienti dei bandi.
Come riporta Il Messaggero il forzista Nevi propone di mettere a sistema le risorse degli enti locali e il dem Grimani annuncia un'interrogazione alla Camera per il «depotenziamento della questura di Terni». Eccoli i parlamentari umbri alla prova sicurezza. Un test che li ha visti misurarsi in un faccia a faccia davanti al presidente dell'Anci Umbria, il sindaco di Narni Francesco De Rebotti.
Una convocazione fatta nei giorni scorsi per affrontare gli effetti del decreto Salvini in Umbria che sarà anche l'occasione per capire come mai Terni e Perugia sono state fatte fuori dalla ripartizione delle risorse per le telecamere di sicurezza. Argomento che il candidato alla segreteria regionale del Pd, l'ex Sottosegretario all'Interno Gianpiero Bocci, ha cavalcato, aggiungendo altri elementi, come le risorse negate all'Umbria per la lotta allo spaccio di droga nelle scuole, il depotenziamento della Questura di Terni e il mancato finanziamento per l'installazione della videosorveglianza nei punti di accesso della città per contrastare la criminalità mordi è fuggi. «Quelle di Bocci - replica il senatore della Lega Donatella Tesei - sono considerazioni inappropriate. Sul fronte della sicurezza, il Governo ha implementato più forze dell'ordine per l'Umbria. Agenti, carabinieri ma anche vigili del fuoco. Le telecamere sono importanti, ma per servizi a posteriori o come deterrente. Quello che conta per combattere la criminalità è garantire il personale per i servizi sul territorio».
Altra spia rossa accesa il depotenziamento della questura di Terni, «finita in terza fascia», come ha denunciato Bocci. «Insieme alla collega Anna Ascani - aggiunge il senatore Grimani - presenteremo un'interrogazione alla Camera per capire quale sarà il futuro della Questura di Terni».