Omicidio neonato, giudizio immediato per la giovane mamma

La difesa punta alla perizia psichiatrica
Terni

Fissato per il 6 dicembre il processo a carico di Giorgia Guglielmi, la giovane donna di 27 anni che la mattina del 2 agosto scorso, a Terni, abbandonò in un parcheggio il figlio neonato poi trovato senza vita. La decisione è stata presa del tribunale su richiesta del sostituto procuratore della Repubblica, Barbara Mazzullo. La difesa chiederà il giudizio abbreviato per la donna ora in carcere a Perugia.
La donna è accusata di omicidio volontario aggravato. Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, ha partorito e poi abbandonato in un parcheggio di un supermercato, dentro una busta di plastica, il figlio neonato “con la speranza che qualcuno lo salvasse” – come sostenuto dalla 27enne ternana, unica indagata, nell’ambito dell’interrogatorio di garanzia.

Il sostituto procuratore, Barbara Mazzullo ha ottenuto il giudizio immediato per la donna e il 6 dicembre è stata fissata la prima udienza del processo. I legali difensori della donna, gli avvocati Pressi e Biancifiori, presenteranno una richiesta di rito abbreviato per la propria assistita, condizionato dall’audizione di uno psichiatra e una psicologa di parte.