Due nuovi dirigenti a Palazzo Spada? Fiorini (Lega Umbria) non ci sta

«La riorganizzazione del personale spetta al nuovo governo cittadino»
Terni

“La riorganizzazione del personale interno alla macchina amministrativa spetta al nuovo governo che dall’11 giugno si insedierà a Palazzo Spada. Considero inopportune le dinamiche che stanno interessando l’assetto organizzativo comunale e la previsione di assunzione, con contratto a tempo indeterminato, di due dirigenti all’Urbanistica e all’Attività finanziaria”.
Emanuele Fiorini, capogruppo Lega Umbria batte i pugni: “Voglio capire da chi è partito l’input di questa operazione e per quale motivo. Siamo in una fase delicata di passaggio amministrativo, caratterizzata anche dal dissesto finanziario e dal commissariamento del Comune. In un momento come questo ritengo indispensabile preservare equilibri in termini di competenze e professionalità e tutelare il Comune di Terni da eventuali dispendi di risorse pubbliche. Per tale motivo reputo inopportuna la decisione di provvedere ad assunzione di nuovo personale e voglio andare a fondo della questione”.

Fiorini riassume quanto accaduto: “Il bando per conferimento a tempo determinato dell’incarico di due dirigenti è stato sospeso dal Ministero degli Interni a seguito della bocciatura del piano di riequilibrio della Corte dei Conti Umbria. A fronte di ciò sono state comunque presentate due determinazioni dirigenziali con le quali, mentre da una parte si revoca il bando, dall’altra si annunciano selezioni per assunzione a tempo indeterminato di due dirigenti all’Urbanistica e all’Attività finanziaria, tuttavia, l'ente è di fatto impossibilitato ad assumere personale a tempo indeterminato prima dell'approvazione del bilancio stabilmente riequilibrato”. Il capogruppo regionale Lega oltre a spiegare che, secondo il Tuel, “sono risolti di diritto a causa del dissesto i contratti a tempo determinato” chiede che “non venga posta in essere alcuna procedura prima dell’insediamento del nuovo governo cittadino”.