Terni, stato d'agitazione sindacale contro l'amministrazione di destra

Il centro sociale "Cimarelli" prepara un corteo
Terni

Amministrazione sotto assedio da parte di sindacati, associazioni e lavoratori contro la delibera sospesa dal Consiglio comunale sul trasporto dei disabili. Il Centro sociale Germinal Cimarelli sabato sfilerà in corteo, con sit in finale a Palazzo Spada, per dire no alla chiusura degli "spazi sociali", nell'ambito della riforma comunale d'assegnazione delle strutture. Giornate movimentate per la Giunta Latini anche per la vicenda di rimpasto di giunta e defezioni interne.

FP CGIL e Fisascat Cisl hanno mandato un messaggio sui trasporti ai disabili: "Va bene la sospensione della delibera ma non basta perchè chiediamo che sia annullata e che sia aperto finalmente un tavolo di concertazione. Intanto proclamiamo lo stato di agitazione dei lavoratori, scriviamo al Prefetto e apriamo formalmente la vertenza per il mantenimento dei livelli occupazionali".

Circa 25 gli operatori interessati dalla vertenza e i "i problemi economici del Comune non possono ricadere sulle famiglie - aggiungono i sindacalisti - Palazzo Spada ha ridotto lo stanziamento del 50 per cento, passando da 270 mila euro a 120 mila. Noi rivendichiamo anche la continuità dell'esperienza del Centro sociale, di cui abbiamo chiesto il rinnovo della convenzione in scadenza a fine maggio, senza ricevere ad oggi nessuna risposta".