Terni, marocchino tenta il suicidio in carcere

Un agente dà l'allarme ma il detenuto versa in condizioni gravissime
Terni

Un detenuto marocchino di 36 anni nel primo pomeriggio di oggi ha tentato il suicidio impiccandosi all'interno della sua cella nel carcere di vocabolo Sabbione di Terni. L'uomo si trovava nel carcere di Sabbione dal luglio scorso, dopo essere stato trasferito da una struttura della Toscana, ed era detenuto per reati legati allo spaccio di droga.
Per compiere il gesto il giovane (in isolamento dopo che aveva aggredito un agente, fratturandogli il setto nasale) ha utilizzato una coperta, che ha legato alla finestra della cella.
L'allarme è stato dato intorno alle 14,30 di sabato 9 dicembre. Ad accorgersi del fatto un poliziotto impegnato nei consueti controlli.
Immediati i soccorsi e il trasferimento nell'ospedale ternano, dove il marocchino è stato ricoverato nel reparto di rianimazione. 
  Le sue condizioni sono gravissime.