Controlli dei Carabinieri negli autolavaggi: una denuncia e sette sanzioni

Servizi a tutela della salute, dell’ambiente e del lavoro in tutta la provincia di Terni
Terni

Continuano i controlli disposti dal Comando Provinciale di Terni che, sotto il coordinamento della Prefettura di questo capoluogo, hanno come obiettivo la verifica del rispetto delle normative sulla salute, sull’ambiente e sul lavoro. Nello specifico l’Arma territoriale, insieme ai militari dei reparti speciali del NOE, del Nucleo Ispettorato del Lavoro Carabinieri di Terni ed dei Carabinieri Forestali e con il supporto di personale dell’ARPA Umbria – Sezione di Terni, hanno controllato una serie di autolavaggi su tutto il territorio provinciale.

Al termine dei controlli, che hanno interessato una decina di autolavaggi, sulla scorta delle irregolarità riscontrate, si procedeva, come di seguito dettagliatamente indicato, alla denuncia a piede libero di una persona ed all’irrogazione di 7 sanzioni amministrative, per complessivi 25.000 €, nei confronti di altre due:

la proprietaria italiana di un autolavaggio di Terni veniva denunciata per inosservanza delle prescrizioni autorizzative non avendo provveduto all’effettuazione del campionamento delle acque reflue;

il gestore egiziano di un autolavaggio di Terni veniva sanzionato per l’impiego di due lavoratori in nero, accertamento che comportava l’ulteriore sanzione dell’immediata sospensione dell’attività stessa;

il gestore, anche questo egiziano, di un autolavaggio di Amelia, oltre a subire la doppia sanzione dell’immediata sospensione dell’attività a seguito dell’accertamento dell’impiego di tre lavoratori in nero, veniva sanzionato per omessa tenuta del registro di carico/scarico dei rifiuti pericolosi e per il mancato rispetto delle prescrizioni dell’autorizzazione di scarico delle acque.

La specifica verifica rientra in uno dei tanti servizi che l’Arma di Terni organizza, sfruttando le specifiche competenze degli altri organi istituzionali deputati ai controlli, per garantire, nell’interesse del cittadino, la tutela dell’ambiente, il rispetto dei lavoratori ed anche la concorrenza leale.