Controlli antibracconaggio, tre persone denunciate nel ternano

Porto abusivo di arma e uso di richiami non consentiti i reati contestati
Terni

Il Gruppo Carabinieri Forestale di Terni ha condotto nello scorso fine settimana un’intensa operazione di controllo in materia di polizia venatoria nell’intera provincia.

L’attività di antibracconaggio ha riguardato in particolar modo aree del territorio che, sulla base dell’analisi dei dati storici, si caratterizzano per maggiore incidenza di illeciti in materia venatoria quali caccia esercitata in periodi non consentiti, uso di richiami vietati per riprodurre il canto dei volatili, abbattimento di specie non cacciabili, fino al danneggiamento di auto in sosta.

Nella giornata di sabato 13 ottobre, i militari delle Stazioni Carabinieri Forestale di Narni e Terni hanno sorpreso in località Taizzano di Narni, all’interno di un capanno temporaneo di caccia, tre cacciatori in inequivocabile atteggiamento venatorio, risultati non in regola con le norme in materia di caccia. Per uno di essi si configurava il porto illegale di arma da sparo, in quanto stava esercitando la caccia con un fucile cal. 20 senza essere in possesso di valida licenza di porto di fucile. Per il secondo cacciatore scattava la denuncia per aver consegnato un’arma da sparo ad una persona priva di licenza e quindi non abilitata al maneggio e all’ utilizzo di armi. Al terzo cacciatore veniva contestava il reato di concorso, per aver esercitato la caccia con l’ausilio di richiami non consentiti, in qualità di utilizzatore e proprietario dell’apparecchio a riproduzione elettromagnetico. Venivano sottoposti a sequestro penale tre fucili, numerose cartucce, nonché il dispositivo elettroacustico utilizzato come richiamo vivo, oltre alla selvaggina abbattuta.

I tre sono stati denunciati a piede libero all’Autorità Giudiziaria.