Obesità, va meglio in Umbria e nel centro Italia

È la seconda causa di morte dopo il tumore
Salute

(A.L.) L’eccesso di peso sia un problema molto diffuso soprattutto al Sud e nelle Isole; in particolare tra i più giovani, dove sono ben il 31,9 e 26,1% rispettivamente i bambini e gli adolescenti in eccesso di peso, rispetto al 18,9% dei residenti del Nord-Ovest, il 22,1% del Nord-Est.

Come dato generale va meglio in Umbria e al Centro, ma di poco, con il 22% grazie anche all componente adulti e soprattutto le donne perchè praticano più sport: si va dall’11,8% al Sud e nelle Isole, al 10,6 e 10,2 % nel Nord-Est e Nord-ovest rispettivamente, fino all’8,8% del Centro.

La sedentarietà, alla base dell’obesità, emerge un forte ‘gap’ territoriale Nord-Sud. Fatta eccezione per la Sardegna, nella maggior parte delle regioni meridionali e insulari più di un terzo dei giovani non pratica né sport né attività fisica e le percentuali più elevate si rilevano in Sicilia (42%), Campania (41,3%) e Calabria (40,1%).

E’ una vera e propria malattia, per questo motivo, Ibdo Foundation ha pubblicato l’Italian Obesity Barometer Report, che offre una fotografia non parziale della situazione dell’obesità in Italia”.

Quello che più preoccupa per l’Umbria è che sono i giovani a far salire la media regionale, segno che il fenomeno è in crescita e va contrastato soprattutto con l’informazione e la diffusione dello sport.