Iscrizioni in aumento all'Università di Perugia

Cresce in maniera costante il numero di immatricolazioni all'ateneo perugino, ottimo il bilancio
Perugia

Non c'è nessun declino, nessun allarme. L'Università di Perugia conta sempre più iscritti.

È un fatto ormai noto, e supportato da numeri e dati, quello esposto ieri mattina, a Palazzo Murena, da Franco Moriconi, rettore dell'Università, e supportato dai delegati della didattica e dell'orientamento, Massimiliano Marinelli e, Anna Martellotti.

Non c'è nessuna crisi, ma al contrario, il numero delle iscrizioni all'Ateneo perugino è aumentato in maniera costante dagli ultimi tre anni ad oggi, nonostante l'introduzione del numero programmato voluto dal Ministero.

“Posso dire, senza timori di essere smentito, che il trend delle iscrizioni al nostro Ateneo è anche quest’anno in crescita, osservando i dati aggiornati alla prima scadenza delle immatricolazioni (7 novembre) e ponendoli a confronto con quelli di un anno fa” afferma il rettore con assoluta sicurezza, sfoderando i dati numerici che supportano maggiormente la sua tesi. Sulle iscrizioni novembrine il numero di immatricolati è passato da 19.665, dell'anno 2015/2016, a oltre 21mila di quest'anno, passando per uno straordinario biennio 2016/2017 che ha registrato un dato di 20.896 iscrizioni.

Ad aumentare sono anche gli studenti fuori sede provenienti specialmente dalle zone del Sud, ma sono in crescita anche gli studenti provenienti dalla Toscana e in particolare da Firenze e Siena, due città che presentano delle Università di ottimo livello. Segnale quindi positivo, indice di una competitività sempre maggiore dell'ateneo perugino che ad oggi conta ben 89 corsi di laurea.

Gli obiettivi non si fermano qui, c'è il proposito di raggiungere quota 25/26 mila iscrizioni nel 2019. Un numero elevato ma sostenibile, tenendo ben bilanciato l'equilibrio studenti/docenti.