Tornano i treni sulla ex Fcu, ma la velocità massima resta 50

Un paio d'ore da Città di Castello a Perugia
Perugia

E così i treni della ex Fcu sono tornati a viaggiare. I primi convogli viaggiano sui binari, sull'asse Città di Castello-Ponte San Giovanni, dalle prime ore della mattina di giovedì 25 ottobre. A poco più di 13 mesi e nonostante i lavori radicali, però, la velocità dei convogli resta 50 all'ora.
La ex Fcu riparte, ma oltre al fatto che per ora dovrà andare a passo di lumaca, strada facendo si è persa anche molte soste in stazioni e stazioncine. Una decina le fermate soppresse. Canoscio-Fabbrecce, Ranchi, Montecastelli, Niccone, Montecorona, Palazzaccia, Resina-San Bartolomeo, Ramazzano, Pretola.
È la novità di maggiore impatto con la quale dovrà confrontarsi, dalla ripresa del servizio su ferro, l'utenza dell'ex Fcu.
Busltalia, parla di decisione “a regime per ridurre i tempi di percorrenza”. Un paio d'ore da Città di Castello a Perugia, con il rischio di ritardi per il cambio trenobus previsto in ogni corsa da Ponte San Giovanni a Sant'Anna.