"Baby spaccio" davanti alla Rocca Paolina, turisti e cittadini preoccupati

Torna l'allarme dello spaccio di stupefacenti ad opera di giovani e giovanissimi
Perugia

I “Baby spacciatori” invadono il centro storico.

Sono innumerevoli le testimonianze di chi, nel bel mezzo di una passeggiata per le caratteristiche vie di Perugia, si ritrova faccia a faccia con giovani e giovanissimi intenti probabilmente a scambiarsi droga. Senza pudore o timore, lo fanno a cielo aperto sotto gli occhi di turisti o cittadini che spesso si sentono in trappola a casa propria.

Qualche giorno fa, a trovarsi involontariamente in mezzo ad uno scambio, è stata una famigliola con bimbo di tre anni al seguito che camminava in via dello Struzzo, sul versante di via Baglioni. Secondo quanto testimoniato, un gruppo di ragazzi stava cercando di passarsi qualcosa con l'intento di non farsi notare ma con estrema fretta e destrezza. Una scena simile è passata anche sotto gli occhi di alcuni turisti che, uscendo dalla Rocca Paolina, si sono trovati di fronte a un gruppo di una decina di giovani anche loro presumibilmente intenti in un'attività di spaccio. Tanto che sono scappati gettando tutta la merce a terra.

Un problema quello dei “Baby spacciatori”, e non solo, che sta danneggiando sempre di più il centro storico e, come ribadito dal Rettore Paciullo, c'è la necessità di “una politica di rivitalizzazione degli spazi un tempo commerciali”.