Spaccata e furto in un bar di San Martino in Campo

Beccati due rumeni con una sfilza di reati sulle spalle
Perugia

Questa volta ai ladri è andata male. I malviventi avevano portato a termine un'operazione spaccando le vetrine di un bar con un blocco di cemento, portandosi via il dispositivo cambiamonete a San Martino in Campo, nella notte tra mercoledì e giovedì, poco dopo le 2 del mattino.
I poliziotti della volante sono intervenuti a seguito del forte boato e dall’attivazione dei sistemi di allarme. Subito è scattata la caccia ai malviventi che si erano allontanati a bordo di un furgone, rintracciato dagli agenti vicino a Porta Pesa.
Il veicolo era preceduto da una vettura che, alla vista della pattuglia, si è data alla fuga riuscendo a dileguarsi. Fermato, invece, il furgone. A bordo gli agenti hanno identificato due rumeni di 30 e 25 anni. Dai controlli sui nominativi, il 30enne risultava gravato da numerosi pregiudizi per reati contro il patrimonio (tratto in arresto per furto tre volte dal 2006 al 2008 e denunciato per ricettazione) resistenza, possesso di coltello e minacce. E a fronte di questo curriculum vitae sempre più i cittadini onesti si chiedono: "Ma che deve fare uno per andare in galera?".
Recuperata la refurtiva che era stata nascosta sotto il tappetino, nel vano batteria, con all’interno 489 monete da 2 euro per un valore di 978 euro.
Il trentenne, invece, aveva con sé la somma di 810 euro in tagli diversi, in merito alla quale non ha saputo fornire indicazioni che ne dimostrassero la lecita provenienza.
Accompagnati in questura ed identificati, i due sono stati tratti in arresto per furto aggravato e, su disposizione dell’autorità giudiziaria e trattenuti nelle camere di sicurezza in attesa della direttissima.