Sanità umbra in difficoltà, chiesto aiuto al Governo

I consiglieri regionali del M5S sollecitano l'intervento di due Ministeri
Perugia

I consiglieri regionali del Movimento 5 Stelle, Andrea Liberati e Maria Grazia Carbonari hanno avanzato una istanza:"Serve un'ispezione ministeriale sulle anomalie della sanità umbra da parte del ministero della Salute e di quello dell'Economia e finanze".
    In una conferenza stampa hanno manifestato l'intenzione di inviare ai due dicasteri una relazione per denunciare "che la sanità in Umbria è malata e per chiedere interventi ministeriali".

"Visto che la governance del sistema sanitario è da rivedere completamente - hanno detto - dal momento che i suoi vertici hanno tutti questioni giudiziarie aperte. Inoltre dalle relazioni dei collegi sindacali delle Aziende ospedaliere emergono da anni denunce di problemi e irregolarità gravi. Non devono poi essere dimenticati i rapporti istituzionali compromessi tra aziende sanitarie e università, come dimostra il caso della direzione di Gastroenterologia. E la responsabilità di questo è della politica, che è assente e non interviene".
E che la Sanità umbra sia afflitta da mille piaghe viene affermato anche dal servizio uscito sull'ultimo numero di Umbria Settegiorni, diffuso in tutte le edicole.
Fra i problemi prioritari da affrontare e risolvere ci sono: liste d'attesa, la fuga di medici eccellenti, la carenza di personale sanitario.
Questioni che abbisognano di essere affrontate e risolte in fretta, visto che a farne le spese sono soprattutto i cittadini utenti.