Polizia Municipale di Perugia in sciopero il 10 maggio

Gli agenti si scusano con i cittadini per i disagi che ci saranno durante la giornata
Perugia

E dunque la polizia municipale di Perugia scenderà in sciopero il 10 maggio. In particolare gli agenti incroceranno le braccia per due ore all’inizio di ogni turno. Lo sciopero era stato annunciato alla metà di aprile, dopo che in Prefettura era fallita la procedura di conciliazione con i rappresentati del Comune. Al termine di quella riunione mancava solo la comunicazione relativa al giorno in cui i vigili avrebbero incrociato le braccia.

Le motivazioni della clamorosa protesta delle Guardia riguardano questioni economiche irrisolte.
Nelle settimane scorse la giunta comunale ha deciso di tagliare in modo significativo le risorse dedicate al progetto “Perugia sicura”, portandole da 389 mila a 121 mila euro. Taglio che ha provocato nel corso dei mesi una conseguente diminuzione dei servizi, come i controlli con l’etilometro o l’assenza di una doppia pattuglia nei due turni della domenica. Oltre a ciò, sottolineano i sindacati, manca «l’emanazione di un regolamento per l'addebito ai singoli soggetti organizzatori dei servisi di polizia stradale resi in occasioni di manifestazioni private (anziché far pagare tutti i contribuenti)». Altri problemi riguardano «la contrazione dell’orario di servizio dalle attuali 24h giornaliere (unico caso in Umbria), e la definizione dei contingenti di personale necessari allo svolgimento dell’attività ordinaria».

  «Crediamo che chiunque scevro da demagogie, tra l’altro utilizzate ad arte in quest’ultimo periodo, comprenderà bene – osservano i sindacati – che i vigili stanno combattendo una lotta (impari) sì per il bene proprio, ma anche per il bene di tutti i dipendenti dell’Ente e dei cittadini. Se la produttività da percepire nel 2019 somiglierà ad un’elemosina, se la qualità del servizio non sarà all’altezza delle attese dei cittadini, questo sarà a causa dei tagli e delle scelte che l’Amministrazione sta facendo oggi». Infine gli agenti si scusano con i cittadini per i disagi che ci saranno durante la giornata di sciopero, in particolare nei mercati rionali del giovedì di Ponte San Giovanni, San Sisto, Ponte Felcino e San Marco.