Inaugurato al parco Sant'Anna nuovo impianto di videosorveglianza

Installato grazie alla collaborazione tra Comune e Rotary club Perugia Trasimeno
Perugia

E’ stato inaugurato, questa mattina, alla presenza del Sindaco Romizi il nuovo impianto di videosorveglianza a circuito chiuso presso il parco Sant’Anna. Si tratta di 3 telecamere che controllano l’area del parco tra via Leonardo da Vinci, via Caduti del Lavoro e via della Pallotta, collegate con la centrale operativa della Polizia Municipale.

L’installazione è stata resa possibile grazie alla collaborazione tra l’amministrazione comunale e il Rotary club Perugia Trasimeno, nell’ambito di un apposito patto.

“Il nuovo impianto -ha detto il Sindaco Romizi- si affianca all’azione importantissima di presidio che da tempo svolgono le associazioni, in questo come in altri parchi. Unita alla posa della prima pietra della scuola Carducci Purgotti di lunedì scorso, questa inaugurazione testimonia la volontà di recuperare la qualità di vita di questo quartier, per chi vi abita, vi lavora e lo frequenta. Sempre nell’ambito della videosorveglianza in città i prossimi passi -ha concluso Romizi- riguarderanno Fontivegge e le aree limitrofe, dove con il Bando Periferie saranno installate 59 nuove telecamere e il piano di sostituzione della pubblica illuminazione, che prevede anche l’installazione di nuove telecamere in varie zone della città.”

Soddisfazione è stata espressa dal rappresentante del Rotary Club, il Past President Francesco Allegrucci, che ha sottolineato come il progetto della videosorveglianza rientri negli obiettivi di servizio alla comunità, di socialità e investimento sul territorio che il Rotary porta avanti da sempre e da Simone Tomassini, in rappresentanza della Security Control, azienda che ha effettuato l’impianto, che ha tenuto a mettere in evidenza l’importanza della collaborazione tra pubblico e privato sul tema della sicurezza, con un’attenzione particolare a parchi e scuole.

Sulla collaborazione pubblico - privato si è incentrato anche l’intervento di Franco Parlavecchio in rappresentanza del NOS che ne ha evidenziato l’importanza per dare un segnale di attenzione alla sicurezza in città.