Confermata la condanna per l'omicidio di via Galvani a Terni

L'albanese Kujtim Beli dovà scontare 16 anni per l'omicidio del connazionale Demir Hyseni
Perugia

La Corte d'Assise d'Appello di Perugia ha confermato la condanna a 16 anni di reclusione nei confronti di Kujtim Beli, il sessantaduenne albanese accusato dell'omicidio di un connazionale, il 49enne Demir Hyseni, avvenuto il 18 luglio 2017 a Terni.

L'omicidio era avvenuto in via Galvani, nei pressi dell'abitazione della vittima, con la quale il presunto omicida avrebbe avuto dissapori. Beli - arrestato a Bari poco dopo l'omicidio, prima di imbarcarsi per l'Albania, ha confessato il delitto - nel maggio scorso era stato condannato in primo grado con rito abbreviato dal gup del tribunale di Terni.

La Corte ha quindi accolto la richiesta di confermare la condanna avanzata dalla procura generale, alla quale si è associata la famiglia di Hyseni, costituita parte civile tramite l'avvocato Cristina Rinaldi.

L'avvocato Francesco Mattiangeli, difensore dell'imputato - detenuto nel carcere di Terni - ha invece chiesto ai giudici che venisse esclusa l'aggravante della premeditazione.