Si è spento Leonardo Cenci

Il decesso del “guerriero” è avvenuto alle 10 all’ospedale di Perugia
Perugia

Leonardo Cenci ci ha lasciato. Il presidente dell'associazione “Avanti Tutta”, diventato testimonial a livello nazionale della lotta contro il cancro attraverso lo sport e la solidarietà, si è spento questa mattina, dopo che aveva lottato come un leone con tutte le sue forze contro un adenocarcinoma polmonare giunto al quarto stadio, inoperabile ed inguaribile, con metastasi alle ossa e al cervello.
Alla fine il suo “ospite” se lo è portato via. Leonardo Cenci, il guerriero indomabile si è spento all’ospedale Santa Maria della Misericordia di Perugia poco dopo le 10, aveva 46 anni, di cui gli ultimi sei e mezzo vissuti con un cancro incurabile. Gli avevano dato 4 mesi di vita, lui non si è mai rassegnato, riempiendo ogni attimo di vita con attimi di passione e amore. Coraggioso e generoso, una persona bella che aveva il potere di "illuminare" chiunque le stesse accanto.
Come ha scritto il suo amico Mauro Casciari «non ha sprecato nemmeno un giorno».
Da qualche settimana il suo quadro clinico era peggiorato. Ricoverato i primi di novembre, poco dopo il suo compleanno, per un improvviso abbassamento della vista causato dalle metastasi al cervello, era riuscito ancora una volta a riprendersi. Poi però alla vigilia di Natale è stato colto da un attacco epilettico.
Tutti ricordano la festa di Capodanno con la Oncotombolata benefica anticipata di qualche giorno.
L'eco del suo ultimo messaggio: «Siate ottimisti e rendete il mondo migliore»
Poi le sue condizioni sono peggiorate, fino al tragico epilogo.
 A diffondere la notizia della morte di Leo è stata l’associazione Avanti tutta. «Il nostro Leo è volato in cielo, tra gli angeli – è apparso sulla pagina Facebook -. La sua missione sulla terra è terminata questa mattina, poco dopo le ore 10. Di questi sei anni che gli sono stati “regalati” dalla malattia non ha sprecato neanche un giorno. Con i sogni ai piedi e l’invincibilità nel suo cuore è riuscito a realizzare tanti dei suoi desideri ed il resto saranno portati a compimento perché il patrimonio umano e materiale che lui ha creato non andrà disperso.  Corri Leo in cielo, corri felice e veglia su chi, come noi, ti ha voluto sempre bene. Corri e ricordaci che dobbiamo sempre credere nei nostri sogni e nella forza dell’amore andando sempre . R.I.P. Guerriero».
Addio Leo, ci mancherai. Che la terra ti sia leggera...