L’Anas “investe” 800 milioni sulla E45

Lavori che riguarderanno manto e strati stradali, gallerie, messa in sicurezza
Perugia

«A seguito della mia richiesta di audizione, questa mattina in IIª Commissione l’ingegner Raffaele Celia (capo del Coordinamento territoriale dell’Area Centro di Anas) ha esposto il piano di ammodernamento della E45, che per il solo tratto umbro supererà gli 800 milioni di euro di investimenti. Una bella opportunità per ammodernare la principale arteria stradale dell’Umbria e un’occasione che va assolutamente accolta con favore e valorizzata, anche a fronte di qualche disagio temporaneo».
Lo dichiara il consigliere regionale del Partito democratico Giacomo Leonelli.

«Nel quadriennio 2016-2020 – spiega Leonelli – la E45 sarà oggetto di interventi di manutenzione e riqualificazione per circa 1.6 miliardi di euro complessivi, di cui un 50/60 percento, secondo quanto dichiarato da Celia, nel tratto umbro (800/900 milioni). Lavori che riguarderanno manto e strati stradali, gallerie, messa in sicurezza. I disagi subiti dagli automobilisti in questi ultimi anni sono stati dovuti agli scarsi investimenti in manutenzione causati dai mancati trasferimenti dello Stato fino al 2015, mentre con l’ultimo Contatto di Programma stipulato con Anas sarà finalmente possibile mettere mano al rifacimento degli strati sottostanti al tappeto stradale, pesantemente danneggiato dal traffico pesante».

«In sede di audizione – conclude Giacomo Leonelli – abbiamo anche ribadito l’orientamento dell’Assemblea legislativa per andare verso il ‘pedaggio selettivo’, detto ‘free flow’, per i camion non diretti in Umbria ma che la percorrono in attraversamento, soluzione tecnicamente fattibile, ma che richiede la modifica della normativa nazionale».