L’on. Prisco: «Stabilizzare le maestre precarie dell’Umbria»

L'esponente di Fratelli d'Italia chiede al Governo di intervenire sulla questione
Perugia

L'esponente di Fratelli d'Italia Emanuele Prisco si preoccupa del futuro delle maestre precarie dell’Umbria. “Proseguiremo in Parlamento la nostra battaglia al fianco delle maestre e degli insegnanti di sostegno perché con l’approvazione del decreto dignità per la parte riguardante la scuola è stato avviato il più grande licenziamento di Stato dei maestri”. Lo ha detto l’onorevole Emanuele Prisco.

“Il corpo docente di cui lo Stato si è avvalso negli ultimi anni per svolgere insegnamento nelle scuole può e deve essere stabilizzato. Le maestre diplomate vanno salvate a ogni costo e tutti i posti devono essere coperti ponendo particolare attenzione anche verso le insegnanti di sostegno. Non è giusto che le insegnanti perdano il lavoro. Una folta schiera di loro insegna da anni e in Umbria ce ne sono centinaia che purtroppo stanno purtroppo vivendo una vera e propria odissea. Non è giusto, non lo meritano, il governo trovi una soluzione in tempi rapidissimi”.
“Lo Stato – conclude Prisco – deve investire nelle scuole perché i bambini di oggi rappresentano il futuro della nostra società”.