Scandalo sanità, la dottoressa Conte risponde alle domande del gip

La dirigente dell'ospedale, responsabile dell'ufficio personale, nega di aver comunicato le tracce di un concorso all’ex direttore generale
Perugia

La dottoressa Maria Cristina Conte, a differenza degli altri due indagati , ha deciso di rispondere alle domande che le ha rivolto il gip, Valerio D'Andria, in merito all'inchiesta sulla Sanità umbra. All'interrogatorio di garanzia, era presente anche il pm Paolo Abbritti, titolare del fascicolo assieme al collega Mario Formisano e coordinata dal procuratore capo Luigi De Ficchy. Assistita dal legale Luciano Ghirga la dirigente dell'ospedale, responsabile dell'ufficio personale, è accusata, tra l'altro, di aver comunicato le tracce di un concorso all'ex direttore generale, Emilio Duca.
 Lei ha contestato gli addebiti dicendo di aver al massimo parlato di eventuali temi da affrontare nel concorso ma di non aver mai fornito le tracce in anticipo.  Domani (venerdì) verranno interrogati l'ex segretario del Pd dell'Umbria, Gianpiero Bocci, l'ex assessore Luca Barberini e l'ex direttore Maurizio Valorosi.