Il canone concordato piace agli umbri

L'imposta del 10% è stata scelta da 40mila proprietari immobiliari
Perugia

Sempre più piccoli proprietari immobiliari scelgono la flat tax agevolata negli affitti. Elaborando i dati del Mef sulle dichiarazioni dei redditi 2017, risulta che nella regione in un anno oltre 5mila contribuenti si sono convertiti all'imposta fissa sui redditi immobiliari, passati da 32.494 a 37.538, con un balzo del 15,8%. Di questi, il 41% ha inoltre optato per un contratto a canone concordato secondo gli accordi territoriali tra Comuni, associazioni dei proprietari e degli inquilini. Se nel 2015, tali contribuenti erano 43.522, un anno dopo sono passati a 61.060 con un +40,3% e un'incidenza, sul totale di chi ha optato per la cedolare, salita dal 34 al 41%.
I canoni in un anno sono cresciuti in media di 6 euro (+1,7%), passando da 325 a 331 euro. Trend inverso per gli affitti medi dei contratti ordinari (tassati al 21%) calati del 2,4%, da 354,5 a 346 euro mensili.