L'Open Fiber è in quasi tutte le case dei perugini

Manca poco per ultimare le operazioni di cablaggio e dare lo stop definitivo a questo primo progetto di digitalizzazione
Argomenti correlati
Perugia

Ci siamo quasi, finalmente la fibra ottica di Open Fiber ha raggiunto quasi tutte le abitazioni di Perugia!

Dopo le varie proteste sui lavori, sul traffico causato dai vari cantieri per le strade umbre, e sui “rattoppi” che, spesso, da provvisori sono diventati definitivi, la tanto agognata fibra ottica ha raggiunto l'80% di copertura proprio come previsto dal progetto iniziale.

Un grande traguardo che ha colpito anche il colosso digitale Microsoft che vuole spingere il capoluogo umbro a seguire il modello di Seattle per diventare sempre più digitale. Tale idea è stata presentata da Kathrin Wilson direttrice di Microsoft per smart city e city solution, a seguito di in un recente incontro con l’assessore Michele Fioroni che spiega: “Seattle ha saputo attrarre le majors della tecnologia non tramite politiche di incentivazione fiscale, quanto proponendo un ecosistema perfetto per catalizzare i processi innovativi“

L'Open Fiber quindi non si fermerà al traguardo previsto dal progetto iniziale ma andrà oltre nel corso del 2018. L'imperdibile occasione è stata offerta da un bando di Infratel Italia che ha coinvolto una decina di regioni, tra cui l'Umbria, per far si che anche le zone “a fallimento” più esterne al capoluogo vengano raggiunte dal cablaggio per la connessione ad alta velocità, per ora quelle escluse sono Ponte Valliceppi e l'area che attraversa Cenerente, Canneto e Colle Umberto.

Nel frattempo prosegue l'ultimazione della copertura negli istituti scolastici, in questi giorni, infatti, tocca al liceo Alessi ma l'assessore Calabrese assicura che “diverse scuole sono già state allacciate e nei prossimi mesi dovremmo completare anche questo progetto”.

Perugia è stata la città pilota di questo grande progetto che ne coinvolge un totale di 12 e ben 400 comuni complessivi, tra cui quelli dei capoluoghi di Milano e Torino.

Un progetto, questo, che apre le porte ad un'Italia sempre più digitalizzata e volta all'innovazione.