Assegnati a Perugia i Macchianera Internet Awards 2018

Sono 34 i vincitori della 13° edizione dei MIA, la kermesse che premia i migliori siti, influencer e pagine social italiani
Perugia

Da Chiara Ferragni a Roberto Burioni, da Salvatore Aranzulla a Selvaggia Lucarelli fino a Sofia Viscardi: sono alcuni delle stelle del web che hanno ricevuto quelli che sono considerati gli Oscar della rete ai migliori siti, influencer e pagine social italiane più creative: ovvero i Macchianera Internet Awards 2018, consegnati ieri sera, sabato 10 novembre, a Perugia.

Una cerimonia arrivata al teatro Morlacchi di Perugia con la Festa della Rete che per tre giorni ha fatto diventare il capoluogo umbro la capitale del web. Perugia ha così ospitato dal 9 all’11 novembre la più importante manifestazione dedicata al mondo di Internet e ha quindi consegnato gli Oscar della Rete ai personaggi più amati e scelti dal pubblico.

“Viviamo nell’era del digitale e le star del web sono diventate a tutti gli effetti delle celebrità con un seguito di fans che cresce giorno per giorno – afferma Gianluca Neri, fondatore dei Macchinera Internet Awards – e per questa ragione abbiamo voluto celebrarli attraverso una premiazione che ogni anno ottiene sempre più seguito. Siamo arrivati alla tredicesima edizione e sono stati quasi tre milioni gli internauti che hanno voluto dare il loro voto per decretare i vincitori del 2018 che con i loro post o siti, si sono resi memorabili”.

Ad aggiudicarsi il riconoscimento del Comune di Perugia per il miglior sito è stato quello di Salvatore Aranzulla, con 27.017 voti, considerato il mago dell’informatica in rete, seguito da Lercio e dal quotidiano LaRepubblica. Miglior personaggio è invece Roberto Burioni, medico ed accademico al centro del dibattito medico sulla questione dei vaccini, con 36.139 voti premiato dalla Regione Umbria. La medicina ha battuto la moda, poiché ad aggiudicarsi la medaglia d’argento è stata Chiara Ferragni, e la scienza di Alberto Angela, arrivato terzo. Incoronato personaggio rivelazione Gianluca Fru, membro dei The Jackal, con 36.170 voti premiato da Liomatic, seguito da Luis Sal e Ludovica Pagani. Ad essere incoronato miglior articolo o post è stato quello firmato da Selvaggia Lucarelli, intitolato ‘La muta’, con 21.570 voti, seguito da Enrico Mentana e Elio e la storia tesa di suo figlio.

Nella sezione ‘Community’ ad avere la meglio è stato Fotografie segnanti, con 24.986 voti, seguito da Scottecs dello youtuber Simone Albrigi e theShow. Su Facebook ad essere stato premiato da Open Fiber è stato Commenti memorabili, con 21.570 voti, seguito da Il Dottor Distruggere e Selvaggia Lucarelli. Su Twitter ad essere stato riconosciuto come memorabile è stata Sofia Viscardi, 19 anni, considerata la voce della generazione Z, seguita da Frank Matano e Roberto Saviano. Il premio del Miglior creator e videomaker è andato a The Jackal da parte di Nexilia, con 34.236 voti, seguito da Scottecs e theShow. Nella categoria Instagrammer ha primeggiato Chiara Ferragni, con 49.712 voti, a cui è seguita il neo marito Fedez e Camihawke. Netflix ha vinto come miglior canale tv, con 76.634 voti, seguita da Tv8 e Rai Play. 4 Ristoranti su SkyUno è invece considerata la migliore trasmissione tv, con 27.423 voti, che ha di poco primeggiato su E poi c’è Cattelan e Ulisse il piacere della scoperta. Come miglior sito televisivo ad aggiudicarsi il premio è stato ItalianSubs, con 24.200 voti, che ha preceduto Tvblog, e Davide Maggio. Premio come miglior radio a Radio Deejay, con 24.916 voti, seguita da Rtl 102.5 e Rds. La migliore trasmissione radiofonica? Deejay Chiama Italia, con 20.618 voti, seguita da Il Rosario della sera e lo Zoo di 105. Nella categoria di miglior radio o podcast online a primeggiare è stato Da Costa a Costa, con 6.866 voti, seguito da Scientificast e Radio Luiss. Il miglior sito di news è La Repubblica con 26.198 voti, premiato dalla Camera di Commercio di Perugia, seguito da Il Post e Valigia Blu.

Lercio ha vinto la categoria Miglior Sito di Satira, con 39.603 voti, davanti a il Signor Distruggere, Spinoza. Mymovies invece è il miglior sito cinematografico, con 22.865 voti, seguito da i 400 calci e Violetta Rocks. Rolling Stone si aggiudica il premio come Miglior sito musicale, con 29.178, seguito da AllMusic Italia e Rockol. La miglior battuta? Quella di Vittorio Lattanzi per Lercio “Rimini, la Isoardi va troppo al largo col pedalò e Salvini le nega i soccorsi, con 16.878 voti, seguita da quella pronunciata da Roberto Torricelli per Commenti Memorabili e da quella di Stefano Pisani per Lercio.

Tegamini è stato giudicato Miglior Sito Letterario con 15.218 voti, seguito da Libreriamo e L’Angolo dei libri. Nella categoria Miglior Sito Fashion & Beauty invece, ha vinto ancora una volta Clio MakeUp, con 33.039 voti, che ha battuto l’Estetica cinica e The Blonde Salad. Nella categoria Miglior Sito Food, ha vinto Giallo Zafferano, con 50.252 voti e premiato da Birra Sans Papiers, il food media che può contare su 14 milioni di utenti unici sul web e oltre 6 milioni di fan su Facebook e che firma anche un mensile, una serie di libri, un programma tv su Canale 5, un’app e l’integrazione con i nuovi assistenti vocali, che ha avuto la meglio su Fatto in casa da Benedetta e Conosco un posto.

Nella categoria Miglior foodblogger, ad aggiudicarsi il premio è stata Benedetta Rossi, premiata da Rossana, con 17.443 voti, seguito da Chiara Maci e Dario Bressanini. Nella categoria Miglior Sito per Genitori e Bambini invece, ha vinto the Pozzoli’s Family, con 40.476 voti, la sgangherata famiglia più famosa del web, composta da Alice Mangione, Gianmarco Pozzoli, e i piccoli Giosuè e Olivia. Roberto Burioni si aggiudica anche il titolo di Miglior Sito Divulgativo, con 43.450 voti, precedendo Butac e Salvatore Aranzulla.

Breaking Italy invece è vincitore nella categoria Miglior sito politico d’opinione, con 20.294 voti, battendo L’intellettuale dissidente e Qualcosa di sinistra; LGBT Italia si è aggiudicato il premio come Miglior Sito LGBT, con 10.420 voti, al secondo posto si è posizionato Bossy e al terzo Arcigay. Turisti per caso si è imposto con 18.442 voti su Pirati in viaggio e Poracci in viaggi, nella categoria Miglior sito di viaggi. Per la sezione Miglior travel blogger invece ha vinto Nicolò Balini premiato da Europ Assistance, con 26.475 voti, su Serena MatchaLatte e Il Signor Franz. Amazon è stato incoronato Miglior Brand online, con 37.129 voti, seguito da Netflix e Zara. We are social ha vinto come Miglior web agency italiana, con 9.843 voti, battendo Doing e ZooCom. Zerocalcare è stato eletto Miglior Disegnatore, con 26.480 voti, seguito da Francesca Presentini e Simone Albrigi. Infine, per la categoria Miglior Hashtag, a vincere sono stati , con 20.596 voti, seguito da e .

Sono stati consegnati anche dei premi speciali: Vittorio Zambardino e Roberto Grassilli hanno ricevuto il Premio alla Carriera, mentre A Pechino Col Pandino riceveranno il Premio Speciale Europ Assistance, e a Letizia Palmisano è stato dato il Premio Speciale Enel - Economia Circolare 2018.