Fondazione Carisp, Colaiacovo fuori dalla commissione soci

Il presidente onorario non ha più potere di voto nella selezione dei nuovi membri
Perugia

Carlo Colaiacovo, patron del gruppo Colacem, ex vertice Confindustria, già presidente operativo della Fondazione Carisp, ha notificato al cda le sue dimissioni dalla “commissione soci” della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia. La comunicazione ufficiale è stata data all'ultimo consiglio di amministrazione dal presidente operativo Giampiero Bianconi.
Tutto prende spunto da una decisione espressa dal dipartimento del Tesoro, intervenuto su segnalazione di uno dei soci.
Per il Mef, che svolge la vigilanza sulle 88 Fondazione bancarie italiane per mezzo del Dipartimento del tesoro, Colaiacovo sarebbe potuto restare al suo posto ma senza possibilità di esprimere il suo voto in sede di selezione delle “new entry”.
Già nella riunione precedente era stata illustrata la nota del Ministero dell'economia e delle finanze che rilevava una incompatibilità tra la carica di presidente onorario e quella di membro con diritto di voto della commissione nata per selezionare i nuovi soci della Fondazione.
In capo al cda ora c'è la decisione sull'eventuale integrazione dello scranno lasciato libero da Colaiacovo.